Cosa c’è di peggio di una giornata afosa?

Ma quando fuori ci sono 30, 35, 40 gradi e tu sei in giro, sudato, ma quali sono le cose che ti potrebbero far dire:”al peggio non c’è mai fine?”Uhm vediamo…

Entrare in un’auto nera parcheggiata al sole in cui non funziona l’aria condizionata ed i sedili sono in simil-pelle di gnu tibetano che non solo ti si azzeccano al culo e ti fanno venire le emorroidi ma fanno anche quella puzza tipica di gnu tibetano bagnato!

Andare al bar, lavarti le mani in bagno e dovertele asciugare con quel coso dell’aria calda per non sporcare i pantaloni bianchi, nuovi, strofinandoci le mani bagnate sopra (come, ad esempio, faccio io, normalmente!);

Incontrare la vecchia zia Dora che ti blocca a parlare sotto il sole di quando eri piccolo e avevi delle guance così tonde (e tu dici “Su Dora!”) e avevi tanti capelli ricci (e su Dora!) e quegli occhiali così grandi (e su Dora!) e quei piedi a papera…e su Dora! È su-dore quello che vedi grondare che sembro avere le cascate delle Marmore sotto le ascelle! Smettila di rompere le balle o, al limite, andiamo all’ombra!

Andare a trovare tua madre, di pomeriggio, verso le 17, e saltare in aria insieme ad altre cinque persone della tua scorta.

Cazzo, questo sì che sarebbe un caldo bomba!
Sottotitolo – 19 luglio 1992, in via D’Amelio, muore Paolo Borsellino con la sua scorta: per non dimenticare che la mafia è (sempre) una merda!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...