L’indecisione favorisce la dieta.

Ho sempre ammirato chi la mattina, entrando in un bar, sa quello che vuole: i tipi “Peppe, il solito!”

Io, invece, sono il classico tipo che, fermo davanti al bancone come un soldato inglese di guardia a Buckingham Palace, cerco di decidere cosa mangiare mentre intanto il mondo gira e quasi quasi si deve riportare l’orologio all’ora legale!

Ma non è colpa mia: ci sono troppe cose e tutte buone!

E allora sono lì, con il rivolo di bava che mi cola ed i cornetti che lascivi mi mandano segnali per farsi scegliere, ma il cervello non riesce a decidersi e ad inviare l’impulso per aprire la bocca e pronunciare la frase semplice ma importantissima “…vorrei quello!”.

Oscillo come una banderuola davanti alla vetrina della colazione ed intanto il ragazzo del bar cerca di interpretare i miei mugugni spostando la pinza da un punto all’altro del bancone…

“Ha detto cornetto?” ne vorrei un solo pezzetto…

“In quantità industriale?” se è caldo fa male…

“Marmellata di stagione?” lei è proprio un cialtrone!

Tutt’intorno, intanto, le persone aumentano, si accalcano e, giustamente, sbuffano.

I decisi, quelli di cui sopra, infilano braccia e dita verso la vetrina scavalcando i miei “uhm..aspetta…quasi quasi” e facendo passare sulla mia testa, e sotto il mio naso, panzetotti alla crema, raviole di ricotta e treccine alla nutella: un campionario di bontà e leccornie che stimola ulteriormente le mie papille gustative e la mie confuse sinapsi!

Ma in questa società di squali e opportunisti, in questa giungla metropolitana, si sa:chi si ferma è perduto!

E solo quando, colpito ai fianchi dai colpi dei “decisi” e sopraffatto dalla fame, finalmente decido cosa mangerò, il ragazzo del bar mi infila una serie infinita di “mi dispiace ma quello era l’ultimo.” che mi lasciano puntualmente deluso, insoddisfatto e con il solito, stantio biscotto (quello col buco che qui chiamiamo “occhio di bue”) con la marmellata talmente vecchia che cambia colore in base al tempo ma che è la giusta punizione per chi, come me, ha un carattere leggermente, come dire, titubante…

…ed ancora manca la parte del caffè!

.

(Sottotitolo: bè, perche quella faccia? Non dicono che la colazione sia il pasto più importante? Bisogna scegliere bene!)

2 pensieri riguardo “L’indecisione favorisce la dieta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...