La “memoria” del cellulare.

Whatsapp ha sicuramente rivoluzionato il nostro modo di comunicare fornendoci un valido supporto.

Valido, è bene precisarlo, per quelle persone (molto spesso di sesso femminile) inclini all’uso compulsivo della frase “te l’avevo detto.”

Questi terrestri, infatti, difronte alla manifesta inferiorità di ricordo di alcuni loro simili (molto spesso, viceversa, di genere maschile) quando rimbalzando come palline contro il muro del “…ma sei sicura di averlo detto a me?” non riescono in nessun modo a scalfire l’inoppugnabile resistenza della controparte, come prestigiatori degni dei migliori show, piuttosto che farsi segare in due come l’altro bramerebbe, decidono di far uscire un asso dalla manica… e quell’asso sono proprio le conversazioni whatsapp!

«Ecco, vedi – dicono con la loro vocina da maestra che insegni ad un bambino come uno più uno faccia due – alle ore tot del giorno tot, dopo il meme di Cristiano Malgioglio, ti ho detto che…»

Colpito e affondato!

Alcuni ingenui uomini, davanti all’evidenza, continuano imperterriti a mantenere la loro posizione: «Non l’avevo letto…»

Ah, poverini, mi fate pena!

Assomigliate a quei giapponesi asserragliati su un’ isoletta del Pacifico ancora convinti che la guerra mondiale non sia finita… illusi!

«Come no?! Vedi? Consegnato alle… letto alle… visto?!?»

Quindi ora che si fa?

NO strappare il cellulare delle mani lanciandolo nel fiume per occultare queste prove;

NO colpire con una mossa di karatè la persona che ancora vi porge il cell nell’atto di farvi controllare con i vostri occhi;

NO invocare la teoria del complotto o di Zuckemberg che manipola le nostre chat.

Quindi?

E quindi non lo so, non chiedetelo a me: io sto ancora piangendo le conseguenze dell’ultimo “te l’avevo detto”… e scrivere con un dito rotto mi crea tanto dolore!

#sottotitolo – il fosforo non può nulla: ve lo dice uno che la notte brilla come una lampadina!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...