Week-end con sorpresa…

Quest’ultimo weekend mi ha fatto rientrare a Catania con qualcosa in più:

un po’ più riposato,

un po’ più abbronzato,

un po’ più esaurito!

Perché i bambini saranno pure simpatici… ma quanto rompono!

Quando decidi di passare qualche giorno con amici bambino-muniti, devi mettere in conto che ci saranno alcune cose che non potrai fare tipo… dormire.

Dormire fino a tardi, infatti, è impossibile almeno di non prenotare una di quelle stanze che gli americani ricchi usano per chiudersi dentro e non farsi rapire dai ladri. Mi pare si chiamino “panic room” o qualcosa del genere: sono insonorizzate, dotate di tutti i comfort e pieni di viveri di sopravvivenza ma, soprattutto, sono inaccessibili cosicché nessun bambino imberbe e dalla vocina stridula potrà mai venire alle 7 di mattina e saltare sul vostro letto manco fosse un tappeto elastico di eurodisney urlando con le ottave che solo la buonanima di Pavarotti sapeva raggiungere “Ziiiiioooooooo stai doooormendooooooooo”

Dimenticate anche quelle belle serate a cena dove, tra qualche bicchiere di troppo e nuvole di fumo al gusto di carne arrostita, si poteva restare a filosofizzare per ore sull’esatto numero di film indispensabili da vedere per una corretta educazione sessuale faidate.

Ecco, basta uno solo di questi nani da giardino che si muovono alla velocità di un diavolo della Tasmania, per ridurre la vostra cena conviviale ad uno stillicidio di “attento, siediti, torna qui, lascia il coltello, non sputare il pure, rimani seduto, perché riesci sempre a buttare l’acqua sul tavolo?!” ed altre decine di frasi lanciate nel vuoto mentre la manica della vostra camicia preferita di allunga sempre di più verso terra e non certo a causa della gravità!

Ecco quindi che, contando sull’innata golosità delle pesti, l’unica possibilità che avete di rilassare i neuroni per 30 secondi diventa giocare l’asso: il gelato!

Presi da uno strano slancio di generosità, dovete offrirvi di fare le porzioni riempiendo (volutamente) moltissimo i bicchieri dei nani e subendo tutte le loro richieste di “…questo sì questo no questo cos’è questo di cosa sa…” pur di lasciarvi cadere svenuti sulla sedia.

Ma non pensate di averla vinta perché, quando meno ve lo aspettiate, il più piccolo e biondo di tutti si avvicinerà sorridente tendendovi il bicchiere già vuoto e…

«Zio?»

«Dimmi, amore mio adorato»

«Potto avere ancora gelatto?!»

«Certo gioia certo: che gusto vuoi?»

E lui, con quella faccia da mascalzone latino che nonostante i 4 anni, sembra aver trascorso una vita nei peggiori bar di Caracas, vi risponderà:

«Il solito, grazie!»

Con quel fare esperto che, se non fosse alto come un tornello del supermercato, vi verrebbe il dubbio di dovergli versare un doppio whiskey!

.

#sottotitolo – “vacanze separate” si riferisce ai bambini, mica alle mogli!

Annunci

Un pensiero riguardo “Week-end con sorpresa…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...