Un’estate fortunata

Il punto di vista che preferisco è quello da cui si vede il mare.

«Facile – direte voi – tu sei al mare!»

Certo, a prima vista, sembrerebbe un’ovvietà ma, se in questo momento siete anche voi in spiaggia, provate ad alzare gli occhi dal cellulare e controllate cosa avete davanti.

Il mare c’è?

Oppure quello che vedete è gente, ombrelloni, sedie a sdraio, cielo, bar, strutture in legno, dune di sabbia, roccia?

Se non doveste vedere il mare, spostatevi, ve lo consiglio.

Superate il nonno che russa, il belloccio unto, la signora che si selfa con le tette strizzate, i bambini che urlano, saltano, lanciano tutto e arrivate a mettere i piedi nell’acqua.

Osservate dritto.

Osservate fisso.

Osservate bene.

L’orizzonte.

Voltatevi e guardate la spiaggia.

Voltatevi e guardate l’orizzonte…

Oltre quella linea laggiù, c’è gente che muore.

.

#sottotitolo – siamo solo sulla sponda fortuna del mare.

Annunci

Un pensiero riguardo “Un’estate fortunata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...