Meteo sud

A nome di tutti quelli che hanno fratelli, figli, cugini, amici che vivono al nord e che d’estate tornano a casa quaggiù, volevo ufficialmente dire che: “Avete rotto la minchia!” E non perché quando tornate voi il mondo si ferma, le mamme vanno in sbattimento e i papà immolano il vitello grasso (Ormai, noi che… Continua a leggere Meteo sud

Estate in spiaggia: che noia!

Quest’anno l’estate mi sta deludendo: sarà per il tempo monsonico o per questa mia nuova passione per la montagna ma sto vivendo il tempo in spiaggia con uno spirito ipercritico. Potrei dire di sentirmi un po’ come Vittorio Sgarbi nello studio tv della buonanima di Mike Bongiorno con l’unica differenza di non avere il colpo… Continua a leggere Estate in spiaggia: che noia!

Estate in “fascia protetta”!

Che poi diciamoci la verità, a parte i malati dell’abbronzatura, i palestrati complessati da un inverno di esercizi e svariate altre categorie (di cui ai post precedenti), l’estate è la stagione dei bambini!A mare a fare i tuffi ed a girare con la maschera; sulla spiaggia a giocare a racchettoni, bocce e palline e a… Continua a leggere Estate in “fascia protetta”!

Domenica al mare…

Una settimana tra pianto e stridore di denti ma poi arriva, finalmente, la domenica!E se d’inverno la domenica è ozio-divanocentrica, in estate non ci si può esimere dall’andare a mare! Carica la macchina: l’ombrellone, la borsa, gli asciugamani, non dimenticare l’acqua nel congelatore, le creme solari, il cappellino? le carte, il caricabatterie con la powerbank,… Continua a leggere Domenica al mare…

Un, due, tre…prova, prova!

Belli, belli, bellissimi!Si approssima l’estate e l’ansia prova costume inizia a prendere tutti! E non agitate la testa! E non muovete il dito! E non dite “io no” perché tanto lo sappiamo, fosse anche poco come la pasta che mettono nei piatti di Masterchef, l’ansia ci accomuna tutti! La cosa curiosa è questo massiccio utilizzo… Continua a leggere Un, due, tre…prova, prova!

Anche se spegnete il televisore, le tragedie non si spengono.

Quando ero piccolo, mia madre mi ripeteva ogni giorno che saremmo dovuti partire.Ogni giorno, che ci fosse come sempre il sole o anche quando raramente pioveva, mia madre me lo ripeteva. Non diceva mai chi, non diceva mai quando: diceva semplicemente: “Abu, dovremo partire.” Non era triste quando diceva quella frase: la pronunciava con semplicità,… Continua a leggere Anche se spegnete il televisore, le tragedie non si spengono.